Spotify Premium: uno strumento di successo

Avete mai sentito parlare di Spotify Premium? Nel 2012, Spotify era ancora un nuovo giocatore nel campo dello streaming musicale. Prima del 2012, Spotify offriva i suoi servizi gratuiti e non esisteva un modello Premium. Molti famosi artisti musicali hanno criticato la compagnia accusandola di essere uno sgradito disgregatore dell’industria dell’intrattenimento.

In un’intervista, Taylor Swift, una delle più grandi cantanti country-pop del mondo, ha spiegato la sua decisione di ritirare le sue canzoni da Spotify nel 2012. Secono la star americana il valore di un album è basato sulla quantità di cuore e anima che un artista ha riversato in un lavoro e sul valore finanziario che gli artisti (e le loro etichette) attribuiscono alla loro musica quando esce sul mercato.

La pirateria, la condivisione di file e lo streaming hanno ridotto drasticamente– secondo lei – il numero di vendite di album a pagamento e ogni artista ha gestito questo colpo in modo diverso. Al di là del pensiero di Taylor Swift, poi le cose sono cambiate!

Spotify Premium e le sue caratteristiche

Diversi cantanti hanno supportato l’idea di Spotify nel corso degli anni, nonostante le controverse modalità di pagamento degli artisti da parte della piattaforma per il loro contributo al sito di streaming musicale.

In particolare, Spotify funzionava come un’applicazione “Freemium” che consente il consumo gratuito di musica da parte di tutti con l’unica limitazione che è l’esistenza di annunci audio tra i brani. Molti artisti hanno visto questo come una forma sottile di pirateria e una violazione dei loro diritti da pagare per i loro sforzi nella produzione di buona musica.

Le critiche sono state numerose ma, nel tempo, Spotify ha continuato a implementare strategie di marketing digitale che hanno salito alle stelle la sua attività fino a che non è nato il suo servizio Spotify Premium.

Spotify Premium, il lancio

La pubblicità iniziale di Spotify (lanciata nel 2008) è stata mantenuta su piccola scala. Spotify si affidava principalmente a strategie di solo invito, co-marketing e PR invece che a campagne pubblicitarie su larga scala.

In effetti, ciò che distingue davvero Spotify da altri siti di streaming come Apple Music è la sua capacità di implementare strategie di segmentazione del target accurate ed efficaci nelle sue campagne di marketing digitale. Poi è arrivato nel 2012 Spotify Premium.

Per farlo crescere, Spotify ha sfruttato in gran parte il suo afflusso di abbonati freemium. Attraverso il passaparola e gli annunci digitali, questi abbonati scaricano l’applicazione principalmente perché sono attratti dall’idea di musica in streaming gratuita.

Il successo di Spotify Premium

Il successo di Spotify Premium e la conversione degli abbonati freemium avviene perché gli annunci audio (che promuovono la versione premium di Spotify) sono inseriti tra lo streaming dei brani. Il fattore motivante per l’acquisto dell’utilizzo premium di Spotify risiede nell’idea di abbonarsi in modo da poter rimuovere gli annunci fastidiosamente ripetitivi che interrompono la loro esperienza musicale sull’applicazione.

Ci sono altri modi per cui la piattaforma aumenta il numero di utenti Spotify Premium dagli utenti freemium. In primo luogo, limitano l’uso del pulsante “salta” sull’applicazione per gli utenti freemium. In secondo luogo, Spotify consente agli utenti di Freemium di provare la versione senza pubblicità ma dovrebbero visualizzare brevi annunci video per sbloccare questo vantaggio.

Oggi Spotify è il servizio di abbonamento di streaming audio più popolare al mondo con 299 milioni di utenti, inclusi 138 milioni di abbonati, in 92 mercati.

Open chat